IMPUGNATIVA DELIBERA ASSEMBLEARE, il valore non va parametrata alla quota imputata al condomino

La seconda sezione civile della Corte di Cassazione, con il provvedimento del 21.03.2022, n. 9068 -rel. Scarpa- riprende le ultime tesi avanzate dalla Corte (Cass. civ. sez. II, 7.7.20221 n. 19250 e Cass. civ. sez. VI-2 20.7.2020 n. 15434)   riaffermando che la determinazione del valore della causa di impugnazione di delibera assembleare non deve essere parametrata unicamente alla quota imputata al condomino che agisce.

“Questa più recente interpretazione tiene adeguatamente conto della considerazione che la sentenza che dichiari la nullità o pronunci l’annullamento della impugnata deliberazione dell’assemblea condominiale produce sempre un effetto caducatorio unitario. L’effetto della sentenza di annullamento opera, infatti, nei confronti di tutti i condomini, anche se non abbiano partecipato direttamente al giudizio di impugnativa promosso da uno o da alcuni di loro. La domanda di impugnazione del singolo non può intendersi, perciò, ristretta all’accertamento della validità del rapporto parziale che lega l’attore al condominio, estendendosi, piuttosto, alla validità dell’intera deliberazione (cfr. Cass. Sez. 2, 29 gennaio 2021, n. 2127; Cass. sez. 2, 25 novembre 1991, n. 12633). Tale ampliamento dell’efficacia del giudicato a tutti i componenti dell’organizzazione condominiale è, del resto, coerente col disposto del primo comma dell’art. 1137 c.c., per cui le deliberazioni prese dall’assemblea sono obbligatorie per tutti i condomini, essendo inconcepibile che la delibera annullata giudizialmente venga rimossa per l’impugnante e rimanga invece vincolante per gli altri comproprietari” 

20 Settembre, 2022 no comments Condominio , , ,
Share post:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.